Regio V - Picenum
  Catalogo dei reperti ad oggi irreperibili
 

                         
                        AFRODITE

           
Rubata dal portico del Palazzo Municipale di Osimo in Piazza del Comune, 1 nella notte tra il 29 e il 30/06/08. Mancante della testa, delle braccia e del piede sinistro. Grappa di bronzo sulla parte posteriore; altezza 67 cm, marmo, tecnica a tutto tondo. La dea, nuda, è flessuosamente stante sulla gamba destra mentre la sinistra piegata al ginocchio è portata lateralmente. Il manto le avvolge la coscia destra al di sopra del ginocchio e un lembo scende con pieghe verticali all'interno. La mano destra superstite trattiene l'altro lembo che scende all'esterno dell'hydria a fianco della figura mentre la mano sinistra, mancante assieme al braccio, doveva coprire il pube. Databile alla prima età imperiale (I sec. d.C.).

RAGAZZO IN MARMO BIANCO O EFEBO
          
      
Rubato dal lato occidentale del portico del Palazzo Municipale di Osimo in Piazza del Comune, 1 il 02/01/09. Mancante della testa, delle braccia e delle gambe al di sotto delle ginocchia; altezza 61 cm, marmo bianco, tecnica a tutto tondo. Si tratta di un giovinetto in `nudità efebica`. Il peso del corpo gravita prevalentemente sulla gamba sinistra, mentre la destra era avanzata e presumibilmente un po' flessa; sulla medesima parte destra (sinistra per chi guarda) la spalla e l'anca sono lievemente abbassate, dando luogo a una ponderatio non molto accentuata, ma abbastanza riuscita. Databile ad età augustea (27 a.C. - 14 d.C.). 

EPIGRAFE CRISTIANA DA CUPRA MARITTIMA

           
Trafugata nel 1976, è una lastra in pietra calcarea con iscrizione disposta su sei righe formata da lettere riportate ai lati di una croce latina, avente accanto alle braccia le figure di due colombe. 

LASTRA DI ARDESIA DA PORTORECANATI

                   
Irrintracciabile. Si tratta di una lastra di ardesia alta 9,3 cm e larga 5,6 cm; reca incisa una formula magica in lingua greca redatta su cinque righe in lettere di varia altezza. Proviene dalla tomba 22 della necropoli romana di Portorecanati, scavata intorno al 1960.

TESTINA MARMOREA DI FANCIULLA DA FERMO

           
Sottratta dall'Antiquarium di Fermo nel 1980. Si tratta di una testina marmorea di fanciulla alta 20 cm con treccia sparticapelli sulla sommità della testa. 

TESTA FEMMINILE DI MARMO DA ASCOLI PICENO

               

Scomparsa negli anni ottanta dal giardino di Palazzo Carfratelli in via Bonaccorsi 3. Si tratta di una testa femminile in marmo con doppia treccia di capelli attorno al capo. 
              
SPADA DA ROCCO DI MORRO

 
Sottratta dal Museo Comunale di Ascoli nel 1977. Si tratta di una spada con impugnatura ad antenne; fu forse gettata nel fiume Tronto insieme ad un'altra spada sottratta nella medesima occasione.
 
  Ci sono stati già 79550 visitatori (182344 hits) qui!  
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=